di Vincenzo Andraous in domenica, 22 giugno 2014
0 Commenti

La droga non fa prigionieri

Una ragazzina s’è sentita male a scuola, una canna di troppo l’ha obbligata in orizzontale, è finita sull’ambulanza e poi in ospedale. Una minorenne ha comprato la sua dose dietro quell’angolo Leggi tutto...

di Vincenzo Andraous in domenica, 22 giugno 2014
0 Commenti

Il silenzio delle donne

Se ne stava lì in un angolo della stanza, rannicchiata addosso alla parete, come volesse occupare uno spazio invisibile. Una signora con i capelli argentati, una donna esile, fragile, improvvisamente sola. Mentre Leggi tutto...

di Vincenzo Andraous in martedì, 22 aprile 2014
0 Commenti

Ergastolo è pena certa

Accade sempre in ogni epoca di crisi e di trapasso; chi sta al fondo del barile, all’ultima fila di sedie, inchiodato alla propria condizione per forza o per necessità, non sarà inteso come persona da trattare, Leggi tutto...

di Vincenzo Andraous in venerdì, 28 marzo 2014
0 Commenti

Il paese di Pirandello… e della droga

Giovani e adulti, facoltosi e meno abbienti, ognuno a “farsi grande” con l’uso di sostanze stupefacenti. In questo consumo smodato di illusioni in pillole, non esistono confini sufficienti a identificare le Leggi tutto...

di Vincenzo Andraous in venerdì, 28 marzo 2014
0 Commenti

La violenza nell’era dei social-network

Il video della “cretinetti” che picchia una coetanea con calci e pugni alla faccia e alla testa, imperversa sul social-network, una ubriacatura di violenza gratuita, in bella mostra, alla mercé di emulazioni Leggi tutto...

di Vincenzo Andraous in venerdì, 28 marzo 2014
0 Commenti

Il fenomeno del bullismo è un problema relazionale

Bullismo endemico all’istituzione scolastica come alla collettività intorno? Mi sono confrontato con la prima linea professorale, ma anche con quell’altra della retrovia, ho incontrato quella “genitorialità” Leggi tutto...

di Vincenzo Andraous in giovedì, 13 febbraio 2014
0 Commenti

A cosa serve una prigione che non custodisce?

L’anno 2014 è iniziato da qualche giorno, suona la campana a morto per qualche disgraziato garrotato dal meccanismo perverso che il carcere mantiene, per poi vergognarsene senza pudore. (continua…)  Leggi tutto...