Pubblicato il: 20 gennaio, 2010

Brindisi: incentivi per le adozioni nei canili

Come fare per fermare il fenomeno del randagismo e dell’abbandono dei cani? Iniziative di sensibilizzazione, manifestazioni di denuncia contro l’abbandono e giornate interamente dedicate alla raccolta di fondi per il soccorso dei cani abbandonati sono gli strumenti principali per creare una cultura del rispetto e della tutela dei nostri amici a quattro zampe.

Il Comune di Brindisi ha deciso di favorire le famiglie della città che si prenderanno cura di uno degli animali che vivono all’interno dei canili comunali. Queste strutture, nel loro totale, potrebbero ospitare solamente 900 cani e, invece, al loro interno vivono 1400 cani. L’amministrazione ha pensato di promuovere un incentivo destinato a coloro che adotteranno un cane dal canile.

Non si tratta di un incentivo finanziario ma di una fornitura gratis per un anno di croccantini a tutti coloro che decideranno di adottare un randagio. Altre possibili soluzioni pensate dal Comune sono l’adozione a distanza di un singolo animale o più cani, oppure l’adozione collettiva, magari da parte di un intero condominio che dispone di uno spazio per ospitare un animale.

Insomma i sistemi per aiutare questi cani sono molti. E così dopo le iniziative del Comune di Pontassieve (FI) e gli incentivi del Comune di Brindisi, ci si augura che questo tipo di iniziative possano essere replicate in altri Comuni italiani e che molti degli ospiti dei canili trovino presto un casa.

Caterina Tipa

Leave a Reply