Top
FacebookYou Tubetwittermyspace

Pubblicità ingannevole

15 novembre 2013, di · Nessun commento 

Da Rodolfo Valentino

Spesso in TV si sente parlare di prezzi “sottocosto”.

Sottocosto significa che il prodotto viene venduto a un prezzo INFERIORE A QUELLO PAGATO da chi fa questo genere di pubblicità. In pratica, se una bottiglia di vino viene venduta SOTTOCOSTO a euro 3.000 vuol dire che chi la vende l’ha pagata MENO di euro 3.000!

Il più delle volte, per non dire SEMPRE, ciò è del tutto falso, perché il negozio che vende sottocosto inevitabilmente fallisce o quanto meno continua a rimettere soldi a ogni acquisto della clientela.

Dovrebbe esistere una apposita sezione della Polizia o dei Carabinieri che si occupi di indagare e di reprimere questa pubblicità ingannevole e fuorviante, che danneggia i commercianti seri che, non potendo ne’ volendo vendere sottocosto, non attuano questo tipo di pubblicità ingannevole che, mi risulta, non viene mai indagata o perseguita da chi a ciò dovrebbe essere, secondo me, preposto.

Grazie per la Vostra attenzione.

In nome del cielo, andatevene

28 settembre 2013, di · Nessun commento 

Da Marcello Malizia

Le coperture per il mancato rialzo dell’Iva a ottobre arriveranno dall’aumento dell’acconto dell’Ires (al 103%) e dell’Irap per il 2013, oltre che dall’incremento delle accise sui carburanti per 2 centesimi al litro fino a dicembre 2013 e poi fino al 15 febbraio 2015 di 2,5 cent al litro. Si legge nella bozza del decreto legge.(ANSA)

Caro presidente Letta, chi scrive ha sempre guardato a lei con umana simpatia, per il suo tratto caratteriale ed i modi da persona per bene. Ciò ha posto in secondo piano o depotenziato la critica ad alcune decisioni francamente prive di senso economico, e la tendenza ad usare la leva fiscale ad ogni pié sospinto, come ai bei tempi dell’andreottismo trionfante. (continua…)

Denunciare, per l’ennesima volta, il ciapi

9 aprile 2013, di · Nessun commento 

Da Pietro Bongiorno

salve redazione,
vi contatto per denunciare, per l’ennesima volta, il ciapi di palermo…
ho notato che negli anni scorsi Caterina Tipa aveva stesurato degli articoli su queso argomento.
come magari ancora non sapete, il ciapi è stato denunciato da crocetta come ente che praticamente rubava solo soldi e non serviva a nulla.
molte persone nel frattempo stavano seguendo i corsi, sia della prov. di palermo che di agrigento che di messina, per le diverse figure messe a concorso lo scorso aprile 2012.
i corsi già erano avviati da tempo, diciamo da novembre 2012, ora invece, all’improvviso, hanno chiuso tutto e non vogliono dare spiegazioni, ci hanno lasciati senza darci nessuna spiegazione.
l’ennesima presa in giro del ciapi che organizza concosi e corsi e che poi non li conclude, come era successo in passato.
vi chiedo, per favore, di scrivere un articolo di protesta per questo argomento.
grazie.

La legge 1270 esiste: fatela rispettare

31 agosto 2012, di · Nessun commento 

Da Gaetana Greco

Seconda bocciatura per un ragazzo affetto da dislessia, la scuola si avvale di un falso piano personalizzato didattico- avvalendomi della legge che tutela i dislessici , e per avere giustizia decido di fare il ricorso al TAR – l’Avvocato mi chiede 3.500 Euro – e non sa se la questione va a buon fine, alla fine mio figlio che fra poco compierà 18 anni, non vuole più andare a scuola, ma a che servono le leggi se nessuno le rispetta, gli insegnanti non sono sottoposti a nessuna vigilianza e controllo, dico a tutti i dislessici come mio figlio di ribellarsi la LEGGE esiste la (1270) fatela rispettare –

La Clinica della vergogna

21 giugno 2012, di · Nessun commento 

Da Vincenzo Andraous

Non ho voluto di proposito scrivere nell’immediato sulle immagini televisive che mostravano una struttura preposta al trattamento sanitario di degenti anziani non autosufficienti, persone malate nella carne e nello spirito, per non incorrere in parole troppo forti, in aggettivi e sostantivi di nessuna comprensione  per questi “riferimenti professionali”, tanto ricercati per alleviare le sofferenze di esseri umani bisognosi di un aiuto appropriato.

Il servizio mostrava i reparti di una casa di riposo con gli anziani seduti sulle carrozzine, sulle poltroncine, sdraiati sui letti,  ma ogni volta che un operatore deputato alla loro cura e sicurezza, passava loro vicino, partivano spintoni, gomitate, percosse di varie entità, addirittura si vedevano questi uomini e queste donne preparati professionalmente all’attenzione sensibile dei malati, strattonarli brutalmente per metterli a letto, lanciarli sui materassi come fossero sacchi di patate. (continua…)

L’appello di una madre

29 febbraio 2012, di · Nessun commento 

Da Gabriella

buongiorno

sono Gabriella e ho una bimba che da quattro anni frequenta il tempo pieno, alle scuole primarie. I primi anni non ci sono stati grossi problemi, ma dallo scorso anno sono aumentati i compiti scritti, e quelli da studiare a casa.

Uscendo da scuola alle 16,30 e svolgendo attività sportiva più volte capitava di dover concludere anche alle 23,00.

Le insegnanti continuano nonostante le proteste della maggior parte dei genitori, ad assegnare compiti a casa. Dando da studiare poesie per il giorno seguente, e dicendo ai bambini che tanto noi genitori ” non comandiamo niente”. (continua…)

Eroi tutti i santi giorni

27 maggio 2011, di · Nessun commento 

Da Vincenzo Androus

E’ trascorso qualche anno, acqua ne è passata molta sotto i ponti che accolgono e accompagnano i riesami, i mutamenti, le nuove condotte sociali.

Il delitto è chiaramente un crimine odioso,  inaccettabile, per cui occorre una  Giustizia giusta, ma che rappresenti la pena come un tragitto di vita, che al suo declinare espliciti forza e umanità sufficienti, per ricomporre quell’inalienabile istanza che lega e salda le persone: la solidarietà sociale. (continua..)

Pagina successiva »

Bottom