Pubblicato il: 4 Maggio, 2010

Con il Mezzogiorno si perse l’Italia

Ventotto anni sono tanti e in Italia fanno addirittura un’era geologica. Nel 1982 in Inghilterra governava la Thatcher, una signora cui la politica di David Cameron (e di Tony Blair) deve molto. Il 30 Aprile, a Palermo, la mafia assassinava Pio La Torre e Rosario Di Salvo. Parrebbe la solita ricorrenza da modernariato, ma poi i sindacati vanno a Rosarno per il Primo Maggio e le cose ci appaiono più chiare. In provincia di Reggio Calabria, CGIL, CISL e UIL hanno passeggiato tra le macerie. Erano andati a celebrare il lavoro e la dignità dei lavoratori stranieri. Hanno trovato il volto sfigurato del Mezzogiorno d’Italia. Abitazioni abusive, palazzi fatiscenti e incompleti, deserto di giovani e futuro. E’ questa la Calabria che il sindacato vorrebbe riscattare alla società multietnica, all’integrazione. Come se fosse possibile praticare un innesto nel deserto. Pio La Torre era un dirigente sindacale. Rappresentava il popolo quando le vocazioni economiche della Sicilia valevano ancora qualcosa, quando il popolo non era fascinazione mediatica. La sua eliminazione avvenne all’alba dei rampanti anni ‘80. La mafia e le sue classi dirigenti avevano scelto: rottamare l’economia produttiva, cancellando i margini d’iniziativa per ogni sua versione aggiornata. Al suo posto il cemento e la speculazione, quel decennio che serviva per spargere il sale fra le rovine del territorio. Perdeva il meridionalismo degli economisti, degli operai e dei braccianti del Mezzogiorno. Fu l’avvio di una diaspora, con lo spopolamento di province intere. Sono le stesse di oggi, quelle province, come i giovani che le lasciano per far fortuna altrove. Già i loro figli imparano il dialetto alle scuole del Nord. Al Sud restano solo i processi per concorso esterno in associazione mafiosa. Assieme ai beni confiscati, questa fattispecie del codice penale è l’eredità di Pio La Torre. Poiché non piace a Dell’Utri, sarà rivisitata. Naturalmente in dialetto della Val Brembana.

Enrico Sciuto

Leave a Reply