Pubblicato il: 3 giugno, 2011

I giovani e il web: la storia italiana di un connubio di successo

freshcreatorCi sono i protagonisti di una periodo storico dai risvolti incerti. Una generazione  di giovani, fin troppo spesso descritti come eroi negativi nella loro presunta mancanza di buona volontà o di umiltà; oppure, cambiando il punto di vista, trasformati in eroi positivi nell’affrontare una situazione in cui si sono ritrovati, loro malgrado, a dispetto di sogni e aspirazioni coltivati negli anni.

C’è il web. Quel mondo virtuale sempre più  reale, divenuto indispensabile, che avvicina e allontana allo stesso tempo, fonte di idee e innovazione. E poi ci sono quei giovani-ormai-quasi-adulti che hanno scommesso sulle proprie capacità e i punti di forza applicati proprio al web. “Gli spazi ci sono sicuramente, bisogna solo capire che deve esserci la promozione dei nostri sforzi:da una parte  le amministrazioni e i giornali devono parlare di queste iniziative, le start up devono essere stimolate a crescere. Dall’altra parte ci deve essere un senso di autoconsapevolezza di quello che si vuole fare” racconta Tiziano Braglia del team GH Fresh, creatore della tecnologia Freshcreator recentemente premiata all’Innovation Award di Londra. “Ognuno di noi aveva delle peculiarità da tirare fuori, anche non inerenti ai nostri studi: io ho studiato lettere, mi sono laureato con una tesi su Fabrizio De Andrè, oggi mi trovo a fare siti web. Siamo un gruppo molto eterogeneo, nato e cresciuto assieme con caratteristiche uniche. Il nostro team è composto da ragazzi con grande passione per quello che freshcreator2stanno facendo: Harun è di Sarajevo, Dumitru è un programmatore della Moldavia, Adit è indiano nato e cresciuto a Bologna con un bellissimo accento bolognese; abbiamo Beniamino che dalla Sardegna  ha deciso di venire qui appunto per creare questo team. Ci aiutiamo, cerchiamo di migliorare e questo ci fa superare i momenti di difficoltà”.  Ma com’è nata l’idea di Freshcreator? “Noi abbiamo lavorato prima insieme come reparto in questa azienda, che è sempre GH.” – spiega Tiziano- “ Con le competenze che abbiamo appreso da quest’esperienza abbiamo notato che il turismo oggi ha una  necessità sempre maggiore di  tecnologie sia per gli albergatori che per i viaggiatori, alla ricerca continua di soluzioni, come l’e-commerce, e di contenuti freschi. Abbiamo analizzato un campione: molti dei gestori della piccola  e media ospitalità non avevano una presenza on line; un anno e mezzo fa dei questionari ci hanno mostrato come le persone non potessero utilizzare i loro siti. La nostra attenzione si è focalizzata sul booking. In cosa ci differenziamo? Con Freshcreator i gestori di strutture recettive possono creare il proprio sito che ha anche strumenti di vendita e pagamento. Ossia, E-commerce pensata per l’ospitalità.” Cosa pensi della situazione italiana che, tra crisi economica e di ideali, sembra essere sempre meno un “paese per giovani”? “Penso che già a 20 anni una persona dovrebbe interessarsi di quello che succede in giro. A Bologna per esempio ci sono moltissime start up, un vero e proprio nucleo. Scambiandosi consigli, parlando delle nostre esperienze, si può creare un network. Molti credono che all’estero ci sia la gallina dalle uova d’oro, perché molte società arrivano, per esempio,  dall’America. Ma perché andarcene dall’Italia quando con un po’più di fatica, un po’più di impegno si possono mettere insieme realtà che funzionano?”

Mariangela Celiberti

Leave a Reply