Pubblicato il: 25 Giugno, 2010

Integrazione e accoglienza: festa multietnica con la Caritas di Catania

E’ stata presentata nell’anfiteatro delle Ciminiere venerdì 18 Giugno la IV Festa Multietnica organizzata dalla Caritas di Catania, in programma per sabato 19. Un’occasione per stare accanto alle nuove povertà, per ridare speranza a quanti sono caduti nel disagio e nella disperazione e per avvicinare la città a questa umanità in ombra, che spesso fingiamo di non vedere. E l’obiettivo principale è proprio l’incontro con le fasce più svantaggiate, l’integrazione dei nuovi poveri che affollano la Caritas, che con l’Help Center registra ogni giorno più di 80 nuovi “utenti”, e l’educazione alla convivenza tra le culture come motivo di arricchimento e di progresso sociale. La Conferenza stampa di giorno 18, presieduta dal direttore della Caritas Padre Valerio Di Trapani, si è inoltre soffermata sulle nuove modalità di dialogo e la collaborazione tra le istituzioni e la popolazione della città, sul tema della sicurezza e della sanità soprattutto nelle “terre di nessuno” e sull’immigrazione. La Festa Multietnica ha visto unirsi quindi diverse culture e popolazioni tra danze, musiche, colori e sapori dei popoli che vivono la nostra piccola grande città. Danze tunisine (Saidi) e egiziane (Raqks Sharqui), il coro Ganesh e il coro eucaristico africano e infine la cena multietnica con la degustazione di piatti tipici, occasione, per molti immigrati, per far riaffiorare un passato scomodo o nostalgico e, per tanti catanesi, un modo per scoprire e apprezzare culture diverse. La serata ha inoltre visto la partecipazione degli “Scanzunati”, gruppo folk catanese e dei “Lyricalcross” band new metal.

Giuseppina Cuccia

Leave a Reply