Top
FacebookYou Tubetwittermyspace

La Fipav sfrattata si è accasata ad Acireale

21 aprile 2011, di   Stampa articolo Segnala articolo  

Da Seby Caruso

Gentile dott. Ferlito, spero voglia accogliere nel suo webzine questo mio sfogo.

Percorrendo gran parte della mia vita attorno allo sport catanese, non posso far altro che notare fatti e misfatti che spesso però riprotano alla triste realtà che vive la nostra città. Più volte ho portato ad esempio il Calcio Catania e il suo modo di gestire e su come potrebbe essere riportato sulla nostra Catania, ma evidentemente gli amministratori hanno altro a cui pensare che ascoltare il malessere dei cittadini.
Stavolta voglio soffermarmi sull’eccezionale evento della Finale di Coppa Italia di volley che domenica 17 si è svolta al PalaCatania.
Due giorni intensi di grande volley, un impianto stracolmo all’inverosimile e l’ottima organizzazione della Fipav Catania. Tutto ciò deve far riflettere su un fatto che sta passando inosservato agli occhi dei catanesi. Dopo tantissimi anni il Comune di Catania non ha rinnovato la concessione alla Fipav Catania per la gestione del Palasport di Corso Indipendenza. Qualcuno potrebbe dire niente di strano e invece non è cosi. Sottrarre una struttura del genere ad una sede staccata di una federazione vorrebbe dire privare Catania della possibilità di organizzare grandi eventi sportivi, pallavolistici nello specifico, per i prossimi anni. Catania ha ospitato i mondiali maschili, diverse gare di World league e tante gare della nazionale maschile e femminile con una ricaduta economica e di immagine per la città senza eguali. Però purtroppo per colpa di una burocrazia lenta, farraginosa e, se permettete faziosa e pretestuosa, tutto ciò rischia di svanire, a danno di Catania.
Intanto la Fipav, sfrattata, si è accasata ad Acireale (una città come Catania non riesce a dare una sede) e chissà che non sia il prologo per spostare i grandi eventi del volley proprio ad Acireale. Mi auguro che il Sindaco, presente domenica al PalaCatania, valuti bene la situazione e prenda coscienza di ciò perchè a pagarne non sarà solo il movimento volley e Catania, ma una città intera.

Facebook Digg Del.icio.us StumbleUpon Reddit Twitter RSS

Commenti

Inserisci un commento...
inoltre, puoi aggiungere un avatar.

(Si informa che ai sensi dell'art. 13 d.lgs. 196/2003 gli ip dei commenti vengono registrati.)
Nota bene: essendo i commenti soggetti a moderazione non se ne garantisce la pubblicazione.

Bottom