Pubblicato il: 27 Novembre, 2009

Legge sui compiti a casa

compiti_vacanzeI prof la conoscono?

Le vacanze di Natale e Pasqua dovrebbero essere dei giorni in cui lo studente stacca la spina dalla routine scolastica per poi ripartire carico e soprattutto riposato. Questo non accade perché i professori ne approfittano per caricare di compiti e sfruttano questi giorni per poter recuperare il tempo perso. Esiste una circolare ministeriale del 14 maggio 1969 n.177 che regolarizza il riposo festivo degli alunni e i relativi compiti scolastici da svolgere a casa. Se ne cita testualmente una parte: «Con circ. 20 febbraio 1964, n. 62, avente per oggetto: “Compiti scolastici da svolgere a casa e in classe”, venne richiamata l’attenzione dei Capi d’istituto e degli insegnanti sulla necessità di non sottoporre gli alunni ad un carico eccessivo di lavoro per compiti scolastici da svolgere a casa. […] Inoltre, va considerato che nelle giornate festive e, in genere, anche nel pomeriggio del sabato, moltissime famiglie italiane, in cui entrambi i genitori svolgono un’attività lavorativa, trovano l’unica occasione di un incontro dei propri membri – innanzi tutto genitori e figli – più disteso nel tempo e, quando possibile, in ambiente diverso da quello dell’abituale dimora cittadina, più sereno nel riposo dal lavoro, di un incontro nel quale trovano alimento il rafforzarsi dei rapporti affettivi, lo scambio delle esperienze, il confronto dei comportamenti tra giovani e adulti; in una parola, si ricompone l’unità della famiglia…» e, «…questo Ministero è venuto nella determinazione di disporre che agli alunni delle scuole elementari e secondarie di ogni grado e tipo non vengano assegnati compiti scolastici da svolgere o preparare a casa per il giorno successivo a quello festivo,» di guisa che nel predetto giorno non abbiano luogo, in linea di massima, interrogazioni degli alunni, almeno che non si tratti, ovviamente, di materia, il cui orario cada soltanto in detto giorno… I professori conoscono questa circolare visto che riguarda proprio loro? La circolare continua: «Si pregano le SS.VV. di comunicare la presente ai Capi d’istituto, agli Ispettori scolastici, ai Direttori didattici, agli insegnanti delle scuole elementari e secondarie. Si confida che il personale docente coglierà appieno il senso delle disposizioni impartite, le quali, lungi da tendere ad una attenuazione dell’attività scolastica, si propongono di dare possibilità di maggiore impegno agli alunni nei giorni feriali e di rendere più completa e integrata l’azione educativa della scuola con gli apporti dell’azione formativa della comunità familiare e dei contatti che questa può favorire in sede extrascolastica con il mondo della natura, dell’arte, dello sport e con le libere attività di gruppi giovanili organizzati.» Nel caso in cui qualche docente non era a conoscenza di questa circolare, può farlo adesso. Prima che ci pensino gli studenti a fargliela conoscere.

Caterina Tipa

Leave a Reply