Pubblicato il: 31 dicembre, 2010

Must love death

Must_Love_Death

Norman è un musicista un po’ sfigato che rimane profondamente deluso dalla sua ultima storia d’amore. Una sera viene investito da un’auto guidata dalla bellissima Jennie: questo strano – e fortunatamente fisicamente indenne – incontro sembra riportare amore e serenità nella sua vita. Peccato che lei sia già fidanzata con Foxx C. Bigelow, famoso (e idiota) attore di telefilm: quando Norman lo scopre, in preda alla disperazione più cupa, decide di rivolgersi ad un gruppo di aspiranti suicidi per riuscire a trovare il coraggio di farla finita. In realtà si ritrova nella casa di due folli che attirano con questo pretesto persone da poter torturare…

Vincitore del NYC Horror Film Festival e presentato in Italia al Ravenna Nightmare Film Fest 2009, “Must love death” è stato scritto e  diretto dal giovane regista tedesco Andreas Schaap. Ciò che rende questo film particolare – e assolutamente godibile – è la commistione riuscitissima tra il genere horror e la commedia: all’inizio sembra di assistere a una semplice love story condita con un po’ di humour e con della buona musica. Poi il registro cambia, ed ecco sangue a fiumi, sadismo, terrore, con quella risata amara che i due psicopatici torturatori della situazione provocano: rivolgendosi alla telecamera come se stessero presentando un reality, infliggono dolore e si preoccupano, allo stesso tempo, di non macchiare i mobili e le pareti della casa di sangue. Il regista utilizza flashbacks per spiegare, poco a poco, le vicende di Norman, e in questo modo mantiene alta l’attenzione dello spettatore. Happy end “classico” delle commedie sentimentali, ma appropriato, e “messaggio” finale: la vita è piena di sorprese…“Must love death” è sicuramente uno dei migliori film horror  realizzati negli ultimi tempi.

Mariangela Celiberti

Leave a Reply