Pubblicato il: 15 marzo, 2011

Notizie su Stella dal grande G

tu_mi_vai_45giriCari lettori, abbiamo trovato notizie di prima mano su Stella Monello, cantante di Tu mi vai del 1981. Gianni Greco, detto Il G, ci ha fornito con grandissima gentilezza tante informazioni sulla graziosa canzonetta di tanto tempo fa:

Stella era una mia collega in radio, una tipa del tutto stonata e, quel che è peggio, squadrata; cioè stonava e non andava a tempo. Uno strazio ascoltarla canticchiare. Fu così che io lanciai una scommessa: “Scommettiamo che ti faccio incidere un disco?”. Bene, scrissi appositamente per lei ‘Tu mi vai’ e la portai da un mio amico musicista con annesso studio di registrazione. A forza di farle cantare dei pezzettini, con molta, molta pazienza, ce la facemmo. Il prodotto alla fine poteva andare, grazie anche al buon arrangiamento. A quei tempi andavano i 45 giri, quindi dovevamo incidere anche una facciata B: altra canzone mia, Uomo più me (che se la sentisse oggi Carla Bruni, se ne approprierebbe). Anche in questo caso ce la facemmo. Avevamo i master, ma mancava il più: la casa discografica. Portai insieme a un promoter ben introdotto il materiale alla Panarecord di Milano e … Miracolo! Fu accettato. Cedetti al bravo promoter parte dei diritti d’autore facendogli firmare i pezzi con me e il disco incredibilmente uscì: un puro mosaico di brevi pezzetti incollati insieme, ma con un risultato piacevole, alla fine.
Stella Monello non si chiamava così, aveva un nome impronunciabile. Fui io a trovarle lo pseudonimo.  Bellino, vero? Inutile dire che non provò più a cantare e io non avevo più voglia di perdere tutto quel tempo ad appiccicare tra loro pezzettini di voce. Era una scommessa, che altro?
Sulla canzone qualche curiosità in effetti c’è. Non so come mi venne l’idea delle lettere maliziose, ma mi accorsi che con esse si poteva formare un nome: Pietro. Il ritornello all’inizio doveva suonare così: “Amami Pietro …”, ma faceva proprio schifo. Risolsi con quel motivetto accattivante che anni dopo Renato Zero avrebbe ripreso (malandrino), in ‘Pizza e rock and roll’… Esiste anche una versione francese del cantante Valerio su disco RCA, dal titolo ‘Petit bijou’.

Elena Minissale

Leave a Reply