Pubblicato il: 15 Maggio, 2009

Pistoia omaggia in musica Marina Marini

una-festa-per-marinaSi è tenuta lo scorso 20 Aprile, presso il museo Marino Marini di Pistoia, “Una festa per Marina“, evento promosso dalla Fondazione intitolata all’artista pistoiese allo scopo di ricordare – ad un anno esatto dalla scomparsa – la figura di Marina Marina, sua fedele compagna di vita ed attiva promotrice della sua opera. L’eccezionalità dell’apertura notturna della galleria d’arte ha attirato numerosi visitatori, giunti allo scopo di riammirare i lavori dello scultore ed assistere ad uno spettacolo improntato sulla musica jazz e sulla poesia. Alle ispirate note del Federica Gennai Quartet e dello Scorcelletti-Siringo Duo si è infatti alternata la voce recitante di Alessia Innocenti che ha declamato con viva partecipazione i versi firmati da Egle Marini, gemella del compianto maestro. In una lirica dedicata proprio alla cognata, la poetessa ne esalta l’impegno e la delicata figura, definendola – in punta di penna – “Angelo medioevale“. Compiacimento è stato espresso da Renzo Berti e Paolo Pedrazzini, rispettivamente Sindaco di Pistoia e Presidente della Fondazione Marino Marini, i quali hanno constato il successo dell’iniziativa, lodando a più riprese l’immagine di Marina. E’ evidente, infatti, come l’operato della stessa abbia contribuito ad accrescere la fama della città – nella quale promosse l’apertura del Centro di Documentazione sull’opera del marito all’interno del Palazzo Comunale, ed istituì nel 1983 la Fondazione Marino Marini, con l’obiettivo di assicurare la conservazione, la tutela e la valorizzazione dell’opera e del patrimonio artistico di Marino –  in Italia ed all’estero grazie a numerosi progetti. Su tutti spicca la nascita del Museo Marini San Pancrazio di Firenze (1988) con la donazione dell’intera collezione che vi è attualmente esposta, nonché l’inaugurazione della Sala delle Arti Liberali degli Appartamenti Borgia nella Città del Vaticano e l’ organizzazione di numerose mostre in tutto il mondo.

Andrea Bonfiglio

(Foto: il sito del Museo Marini – www.fondazionemarinomarini.it)

Lascia un commento

Devi essere collegato to post comment.