Pubblicato il: 2 Aprile, 2008

Conto alla rovescia per la prossima Ubuntu

Una moderna versione di Linux, un sistema operativo gratuito, che fa della semplicità d’uso, e dei principi di condivisione delle conoscenze, la sua bandiera. Sul sito della comunità di Ubuntu, è possibile seguire il conto alla rovescia che segna la data di rilascio della nuova versione, nome in codice: Hardy Heron (Airone Audace). Come per altre distribuzioni Linux, Ubuntu è liberamente scaricabile da internet e gli utenti sono incoraggiati a usarla, a studiarla, a modificarla e ridistribuirla liberamente, con tutti i vantaggi di un sistema semplice, funzionale, sicuro e stabile. Ubuntu si presenta all’utente pieno di strumenti per le comuni operazioni: azioni come il navigare su internet, la riproduzione di file multimediali, la produzione di documenti, la registrazione di dati su un disco, il fotoritocco, la messaggistica istantanea, sono gestite interamente da software libero e gratuito. Inoltre, se questi strumenti non dovessero bastare, sarà sufficiente cliccare l’apposita voce per ritrovarsi davanti una lunga lista di software, liberamente scaricabile, per tutte le esigenze.

Agli strumenti per la produttività e il tempo libero si affiancano gli ormai noti effetti grafici che portano l’accelerazione grafica sul Desktop e meravigliano l’utente semplificando l’esecuzione di molte operazioni in modo divertente. Questo sistema operativo si sta sempre più affermando come uno degli antagonisti principali dei sistemi più noti come Microsoft Windows e Mac OS X, guadagnando il favore e la stima di utenti di tutto il mondo.

Hardy Heron porterà un gran numero di migliorie a questo sistema, come la riduzione dei tempi di avvio, il miglioramento del supporto hardware e degli effetti grafici. Grazie al Windows migration tool, già presente nelle versioni precedenti e qui migliorato, è possibile mantenere impostazioni come i siti preferiti, i propri contatti e lo sfondo del desktop in modo del tutto automatico. Sarà inoltre possibile installare Ubuntu da Windows, seguendo una procedura semplice ed automatica.

Esistono tre diverse versioni di Ubuntu oltre a quella “base” : una per l’insegnamento (Edubuntu), una con un interfaccia grafica alternativa (Kubuntu) e un altra per computer datati (Xubuntu). Le diverse versioni sono disponibili per il download sul sito della comunità (http://www.ubuntulinux.org/) e possono essere ordinate gratuitamente con il servizio “ShipIt” presente sul sito. Per il volo dell’Airone si dovrà aspettare il 24 Aprile, nell’attesa è possibile usare l’ultima versione disponibile, scaricandola dal sito di Ubuntu, e prepararsi così per il giorno in cui i server dell’azienda verranno presi d’assalto.

Vincenzo Moreno Luna

Leave a Reply