Pubblicato il: 18 Febbraio, 2009

Quanto costa inviare un sms?

smsVolete sapere quanto costa al vostro operatore un sms ( parliamo degli sms nazionali, non di quelli in roaming che meritano un discorso diverso )? Nulla di più semplice: basta sottrarre al costo che noi sosteniamo, le tasse e i costi di gestione. Almeno dovrebbe essere così. Sappiamo che noi clienti italiani siamo costretti a pagare di più rispetto ai nostri “colleghi” europei, ma forse non tutti sanno che agli operatori un sms costa 0 centesimi. Sì, avete capito bene! Si è arrivati a questa conclusione grazie alla caparbietà di un senatore americano, Herb Khol che, impressionato dal numero di sms inviati ( 2,5 trilioni ) e soprattutto dal prezzo in costante aumento, ha inviato una richiesta di informazioni e di spiegazioni alle diverse compagnie americane che, guarda caso, non hanno mai dato risposte soddisfacenti. A tal proposito, c’è uno studio di un’università canadese che è riuscita a dimostrare come agli operatori un sms venga a costare una cifra molto vicina allo zero. Questo induce a pensare che il costo che ognuno di noi sostiene per inviare un sms è decisamente spropositato e che il guadagno delle compagnie è pari al 100%, o quasi. Il motivo è presto spiegato: il costo per gli operatori è così basso in quanto gli stessi utilizzano il canale di controllo (una parte della banda particolare, in linguaggio tecnico chiamato control channel), che normalmente viene utilizzato per gestire le operazioni e che occupa una memoria vicina ai 140 byte, per far viaggiare l’sms; una sorta di cavallo di troia insomma!

In parole povere l’sms viaggia parallelamente al segnale che collega il cellulare al ripetitore più vicino, che è un segnale sempre presente e vivo e che agli operatori non costa nulla ( non tenendo in considerazione ovviamente i costi di hardware e software ). Adesso si riesce a capire perché, nonostante i numerosi e costanti progressi tecnologici che hanno ormai trasformato il telefono cellulare in un vero e proprio personal computer, i caratteri per un sms sono da sempre 160 e, siamo sicuri, non aumenteranno mai. Il dubbio che anche le compagnie italiane usino lo stesso artifizio informatico è fondato e il caso dei recenti aumenti del costo degli sms rappresenterebbe effettivamente una beffa per tutti noi e sarebbe una conferma che questi aumenti sono assolutamente ingiustificati. Dopo che, con le liberalizzazioni, è stato possibile eliminare i costi di ricarica ( altra anomalia tutta italiana ), sarà possibile intervenire su tariffe così spropositate?

Massimiliano Mogavero

Leave a Reply