Pubblicato il: 7 dicembre, 2010

Shoefiti a Catania?

shoefiti_a_catania

Da qualche tempo ormai in molti se ne saranno accorti. Ci troviamo in Via Alcalà, centralissima strada di Catania, proprio alle spalle di Piazza Borsellino. Alla fine della via, sopra i fili telefonici, penzolano decine di paia di scarpe, legate tra loro dai lacci. Sebbene qualcuno abbia definito le scarpe penzolanti come un pericolo per la circolazione e abbia addirittura gridato, dalle pagine del quotidiano più letto in città, all’emergenza sicurezza, in realtà lo shoefiti (così si chiama il fenomeno in questione) è qualcosa di più che un semplice passatempo. Il nome è dato dall’unione tra shoe (scarpa) e graffiti e nasce nelle zone rurali e urbane degli Stati Uniti come segno del folklore adolescenziale. Nel corso di qualche anno lo shoefiti si è diffuso in America del Sud, Europa e anche in Italia. Diverse sono le teorie legate alla sua nascita: secondo alcuni prende vita nell’ambito militare, dove i soldati, finito il periodo di leva, usavano legare tra loro gli anfibi militari e lanciarli. Altrettanto disparate sono le interpretazioni date al fenomeno: appendere le scarpe ai fili elettrici o telefonici serve da segnale per indicare che nella zona vi è spaccio o consumo di droghe, soprattutto cocaina o eroina, quasi a indicare che una volta fattone uso, non potrai più lasciarle, come le scarpe appese al filo. Secondo altri invece le scarpe vengono appese per commemorare l’omicidio o la morte di un membro della banda, per tenere lontano i fantasmi oppure per circoscrivere luoghi dove è possibile compiere furti. In quest’ultimo caso le calzature cambiano a seconda del diverso momento della giornata. Altre spiegazioni collegano lo shoefiti al bullismo, alla fine della scuola, al matrimonio o alla perdita della virginità, come in Scozia. Altre volte, più banalmente, complice è la noia o l’ubriachezza. E mentre il fenomeno è apparso di recente anche in molti film, in Nuova Zelanda, lanciare gli stivali, è diventato un vero e proprio sport. Chissà quale di questi significati potremmo attribuire al caso catanese?

Giuseppina Cuccia

Leave a Reply