Pubblicato il: 25 Agosto, 2007

Spam telefonico

Al Call center Recentemente il Garante della privacy ha ammonito gli operatori delle telecomunicazioni, in quanto non si impegnano attivamente a tutelare la riservatezza dei propri clienti, inoltre ha annunciato un progetto di chiusura dei call center abusivi, dopo le ripetute raccomandazioni cadute nel vuoto sulla violazione della privacy con queste chiamate pubblicitarie; effettivamente la questione è delicata se non assurda in quanto, spesso e volentieri, nell’arco di un giorno arrivano più chiamate pubblicitarie non solo dall’operatore di cui si è abbonati ma anche dalla concorrenza, l’assurdo si raggiunge quando fra le chiamate di spam non si celano solo seccature ma anche delle vere e proprie truffe, ad esempio con offerte di lavoro che promettono grandi cose, o premi grossi in denaro, tanto per citarne alcune.

Ormai non si tratta più di pubblicità “spammosa”, ma di vere e proprie violenze psicologiche, perché passino gli operatori di call center, che per portar uno stipendio misero son costretti a turni di lavoro veramente assurdi e a situazioni veramente imbarazzanti, ma il colmo si raggiunge quando un sistema automatico robotizzato ti “turba” in casa, possibilmente in piena notte, per propinarti un offerta “imperdibile” senza aver la possibilità di replicare.

L’iniziativa e le dichiarazioni del Garante sono da apprezzare e da sostenere da parte dell’utenza, perché ormai non se ne può più, in quanto con questo tipo di pubblicità c’è un danno non solo sulla violazione dei dati personali, ma anche morale, perché non si ha la concreta possibilità di sapere chi ha fatto in modo che il nostro telefono squillasse. Ma come al solito siamo in Italia ed è bene sapere che le nostre care compagnie telefoniche guadagnano su tutte le chiamate a numerazioni speciali, come 899 & company, di conseguenza è logico intuire come questo tipo di fenomeno non calerà molto facilmente in quanto c’è un giro di guadagni veramente alto, dove come al solito chi ci rimette è l’ignaro utente finale che, spesso e volentieri, è vittima persino di truffe.


Leave a Reply