Top
FacebookYou Tubetwittermyspace

In marcia contro la discarica

22 maggio 2013 by · Nessun commento 

tiriti-discarica
In foto - La discarica di Tiritì
Sabato 11 maggio due cortei provenienti dai comuni di Misterbianco e Motta S.Anastasia si sono mobilitati in direzione della discarica di Tiritì, ormai tristemente famosa nell’hinterland catanese. Da anni ormai i comitati “No discarica” e le popolazioni di entrambi i comuni si battono per contrastare l’ampliamento della sopracitata discarica che infligge non pochi disturbi ai cittadini, primi fra tutti i cattivi odori che arrivano ad invadere i centri abitati.  La manifestazione arriva in seguito alla chiusura della discarica avvenuta a fine aprile, per raggiunti limiti di capienza, seguita dalla notizia di un ampliamento. (continua…)

Pagina successiva »

MAI PIU’ OMSA: il boicottaggio che parte da Facebook

9 gennaio 2012 by · Nessun commento 

Mai-più-omsaLa notizia è arrivata a sorpresa, proprio nel periodo in cui meno avrebbero pensato di ricevere una sentenza sul proprio futuro. Già in lotta da quasi due anni – ossia da quando l’azienda è stata posta in cassa integrazione straordinaria – le 239 operaie della Omsa di Faenza hanno appreso il 27 dicembre, tramite fax, il loro imminente licenziamento. Le motivazioni rese note dal gruppo Golden Lady SpA – che nel 1992 ne ha acquisito il marchio – sono di carattere economico e strategico: la sede produttiva sarà (continua…)

Pagina successiva »

6 settembre: sciopero contro la manovra

6 settembre 2011 by · Nessun commento 

protesta-6-settembreAnnunciato da diverse settimane, lo sciopero nazionale contro la manovra del Governo, indetto dalla CGIL,  si è svolto stamani. A Catania il corteo è partito alle 9.30 dalla villa Bellini per prolungarsi fino a piazza Manganelli. Oltre ai promotori ufficiali, a sfilare numerose sono state le sigle di aziende, partiti, movimenti e associazioni: FILLEA, UDU, FIOM, RIFOND. COMUNISTA, PD, GD, FEDERCONSUMATORI, FLAI, FLC, FILCTEM, FILCAMS, SPI, SLC, NIL, MSC. Slogan, cartelloni, striscioni vari, si sono susseguiti e hanno rappresentato le varie categorie professionali: operai di vari settori produttivi, dipendenti pubblici, studenti universitari, pensionati. Ogni categoria ha condiviso (continua…)

Pagina successiva »

Il futuro che vorrei: intervista agli studenti dell’ateneo di Bologna

29 dicembre 2010 by · Nessun commento 

proteste-all-universitaLe proteste degli studenti, contro la politica del governo Berlusconi e la riforma universitaria del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Stella Gelmini, si susseguono dalla fine di novembre: ci sono state manifestazioni, cortei, scontri con le forze dell’ordine e diversi atenei sono stati occupati. Tra gli altri, quello dell’antichissima Università di Bologna. (continua…)

Pagina successiva »

L’amara Veritas

16 novembre 2010 by · Nessun commento 

amara veritasDa vari giorni ormai in Via Etnea, all’altezza della Prefettura, un gruppo di manifestanti ha stabilito un presidio permanente per far sentire la propria voce. Abbiamo parlato con uno di loro, Antonio, dipendente (anzi, ex-dipendente ormai) della società di vigilanza Veritas, e scopriamo che la loro situazione ha davvero dell’incredibile. Già nel 2006, ci dice Antonio, erano cominciati i (continua…)

Pagina successiva »

Tentativi di lezione a Ingegneria

3 novembre 2010 by · Nessun commento 

Tentativi di lezione a Ingegneria«E’ assurdo»: questo è uno dei commenti più diffusi tra gli studenti di Ingegneria (Ingegneria gestionale, in particolare) della facoltà di Catania.  Da quando sono iniziate le lezioni, infatti, la situazione è ingestibile, e così la pensano anche molti dei docenti. Oltre alla difficoltà estrema nel trovare posteggio (Continua…)

Pagina successiva »

Insegnanti precari: le mosse della disperazione

30 ottobre 2010 by · Nessun commento 

Licenziati senza futuroDiventano sempre più concreti i gesti di protesta degli insegnanti precari contro i tagli indiscriminati all’istruzione. Due attivissime precarie di Benevento, dopo essersi rinchiuse per più di 15 giorni in un asilo abbandonato e aver protratto uno sciopero della fame per quasi una settimana, si sono rese protagoniste di un altro eclatante gesto (Continua…)

Pagina successiva »

Bottom