Top
FacebookYou Tubetwittermyspace

Trivellazioni alle Tremiti: quali rischi?

10 settembre 2012, di   Stampa articolo Segnala articolo  

piattaforme-petrolifereLa salvaguardia del mare e delle sue risorse biologiche deve essere una priorità sia dello stato centrale ma anche delle amministrazioni periferiche. Il mare è un bene, un patrimonio dell’umanità e, come tale deve essere protetto. Non può essere utilizzato e sfruttato in modo scriteriato e contrario alle sue naturali inclinazioni. Lo sfruttamento deve essere consentito, solo se compatibile con il sistema ecologico generale. Certo, tra le varie forme di sfruttamento ed utilizzo del mare, c’è anche l’attività c.d. “offshore” cioè l’attività finalizzate alla ricerca ed estrazione di petrolio e gas naturale.  In questi giorni si sta facendo un gran parlare e, giustamente dell’autorizzazione rilasciata dal ministero dell’ambiente per l’effettuazione di trivellazioni nel mare delle isole Tremiti, a circa tredici miglia dalle isole stesse, area marina protetta ed inserita nel comprensorio del parco nazionale del Gargano. La regione puglia, il comune delle Tremiti, il Parco Nazionale del Gargano e tante amministrazioni civiche stanno facendo sentire la propria voce contro questa decisione del ministro CLINI, che mal si concilia con l’ambiente su cui ricadranno inevitabilmente gli effetti ma anche con i rischi che si corrono nelle varie fasi dell’attività off-shore. L’attività off-shore  avviene precipuamente attraverso quattro fasi  l’esplorazione, la perforazione, la produzione ed infine il trasporto. Tutte queste fasi comportano inevitabilmente dei rischi, che per la prima fase  sono principalmente di natura sismica, in quanto la ricerca ed esplorazione  geofisica avviene con l’utilizzo di elevate quantità di energia che causano onde sismiche, le quali onde registrate da sensori, permettono di individuare la situazione degli strati rocciosi del fondo marino  che si ritiene possano contenere idrocarburi. Tale attività comporta l’utilizzo di sostanze nocive  e letali per i pesci, soprattutto per quelli di piccolo taglio e gravi problemi al sistema auditivo dei mammiferi se presenti sul fondo marino.  Rischi da cui non vanno esenti anche le fasi successive dell’attività offshore, come ad es. la fase della perforazione che può durare anche molti anni. Rischi connessi all’istallazione della piattaforma, al traffico marittimo che inevitabilmente dovrà svolgersi e relativo al trasporto dei materiali di perforazione e del personale addetto; allo stazionamento  fisso dei c.d. supply-vessel (mezzi di assistenza e di emergenza) nelle vicinanze della piattaforma stessa. Durante la perforazione poi, si presentano anche problemi e, quindi rischi connessi con lo smaltimento dei detriti della perforazione, con gli scarichi oleosi, con i rifiuti liquidi non oleosi ed anche con gli scarichi civili ed igienici. Poi ci sono i rischi connessi alla produzione, che nel caso venga trovato l’idrocarburo può durare mediamente anche venti anni. Allora, la domanda che sorge spontanea è: conviene affrontare  i rischi sopra indicati in zona di mare di grande pregio sotto il profilo turistico?  un’area marina  ricca di habitat differenti e biodiversità. Il turismo su cui bisogna puntare nel meridione e, di cui si riempiono la bocca  i politici di tutte le colorazione politiche che fine farà? Se si vuole evitare che il turismo e la pesca, non subiscano  compromissioni irreversibili è necessario che tutti, sia a livello istituzionale, che a livello di associazioni di categoria e cittadini dei comuni interessati a questo lembo di mare facciano sentire forte la propria voce! La Puglia non può e, non deve essere privata del suo bene più prezioso: IL MARE!

                                                                                              Angelo Ruberto

Facebook Digg Del.icio.us StumbleUpon Reddit Twitter RSS

Commenti

Inserisci un commento...
inoltre, puoi aggiungere un avatar.

(Si informa che ai sensi dell'art. 13 d.lgs. 196/2003 gli ip dei commenti vengono registrati.)
Nota bene: essendo i commenti soggetti a moderazione non se ne garantisce la pubblicazione.

Bottom