- Lo Schiaffo - https://www.loschiaffo.org -

Cos’è L’Agricoltura Blu

Un modo intelligente di utilizzare il terreno da coltivare.

È denominata “Agricoltura Blu’’ quella pratica che consiste in un sistema di gestione del suolo con finalità produttive e di tutela dell’ambiente. Gli effetti principali possono essere rappresentati da valide ed opportune soluzioni per aumentare la produzione vegetale, impiegando più efficacemente le risorse naturali, l’energia e la forza lavoro. Il principio di tale sistema è l’uso intelligente del suolo sul quale si coltiva. Questo permette uno sfruttamento del terreno più adeguato che, nel tempo migliora la fertilità agronomica e la capacità di trattenere l’acqua piovana contribuendo nel contempo alla salvaguardia della biodiversità del suolo e soprattutto di acqua ed aria. Per contro, alcune tecniche in uso nell’agricoltura convenzionale, come le lavorazioni del suolo, che prevedono per esempio la bruciatura dei residui, ne deteriorano le condizioni fisico-chimiche e biologiche causando erosione e contaminazione dell’acqua superficiale. Una delle tecniche utilizzate è quella di non recidere fino alla radice gli ortaggi o la frutta al momento del raccolto. Le radici che rimangono all’interno del terreno non solo fungeranno da prossimo fertilizzante ma serviranno a mantenere la stabilità del terreno. Grazie all’Agricoltura Blu l’erosione del suolo può essere ridotta del 90% rispetto ai terreni, non protetti, lavorati in modo convenzionale dall’ impatto della pioggia. La lavorazione consiste in un ridotto numero di passaggi (1-2) con speciali attrezzature alla profondità max di 15-20 cm. Acqua pulita grazie alla riduzione di erosione del suolo. I suoi benefici: ricicla i residui colturali non raccolti come materiale pacciamante; il residuo lasciato grazie all’agricoltura blu si trasforma in sostanza organica del terreno; la sostanza organica mantiene il terreno fertile e pieno di nutrimenti. Benefici economici per l’agricoltore: Riduzione tempi di lavoro quindi dei costi di manodopera dal 40% al 60%, riutilizzo del terreno e risparmio idrico. Semplicemente l’agricoltura blu conviene.

Caterina Tipa